Primo Piano
Crossfire
Film Joker
Box Office World
Premi & Festival
Trova Cinema
La Vetrina
In Sala
Scrivici
NOVEMBRE 2019
TOP
DOWN

Vuoi consultare i Film Joker dei mesi precedenti?
Scegli il mese e clicca su Vai

Il meglio e il peggio del mese
JOKER di Todd Phillips
Sceneggiatura di Todd Phillips, Scott Silver

Con Joaquin Phoenix,Robert DeNiro,Frances Conroy,Zazie Beetz

Tutto è intrattenimento,le pulsioni dell’io e l’irrefrenabile richiamo della performance sono le sfide della vita che macinano bagarre imponendosi col coraggio di sorseggiare quel calice dolce amaro servito sull’Olimpo dell’entertainment. Sembra la rincorsa dopata al potere ma i fari degli Show lasciano tante vittime inermi e senza innocenza. Non sempre si arriva al portone degli Dei,ma Arthur già conosce le lusinghe e il disincanto del desiderio. Il suo potrebbe apparire l’ennesimo processo formativo da uomo qualunque che oggi si traveste per ingannare se stesso e l’orizzonte accanto,ma il clown senza qualità scoprirà qualcosa di sorprendente. La sconfitta dell’attore compenetra nel cuore e nella mente l’impossibile impresa di spazzare i fantasmi della follia con i quali duellava da sempre cercando una via razionale verso il sole. Eppure quella torbida compagnia di invincibili reietti per una strana alchimia,alla quale come spesso accade non possiamo associare alcuna sostanza di conforto,diverrà foriera per l’insperato riscatto del povero Arthur. Sono gli elementi del disturbo a sublimare nell’uomo il carattere spettacolare di un prezioso alter ego che ridisegni una personalità dal carisma pubblico,completa ed esente da formule fasulle quanto mai in balia del sistema. Joker/Arthur è un connubio dell’irrazionalità che saprà penetrare,convincere le moltitudini attraverso il riflesso di un’artistica pazzia perché alla fine della speranza il perdere non sia più una colpa casomai riabiliti in virtù tutta la forza repressa per redimere il corso degli eventi. Per tale indirizzo dall’inevitabile scossone politico Joker assume responsabilità cosciente nell’avvalersi di una condizione rinnovatrice dell’esistenza,quando rinunciando al fardello predestinato della tragedia osa sostituire nel circuito vitale la dignità della commedia. Così la risata andrà ad affermare il ritratto che nasce dalla patologia,l’insegnamento unico e straordinario dal cui background trarre beneficio in termini di fluidità dell’immaginario,rilanciando peraltro da un ghigno sarcastico ogni ascendenza di stampo drammatico. La nuova versione,esemplare,sul celebre personaggio tratto dai comics é di assoluta scompaginazione con le rappresentazioni finora giunte al cinema. Possiede una peculiarità esclusiva dal momento che segue una linea umanistica di profonda adesione espressiva rompendo con il tipico abbozzo dandy del personaggio. Il complesso mutamento e le sottigliezze radicali del protagonista vengono elaborati con opportuni interfacciamenti di derivazione simbolica,che contestualizzano la credibile e al tempo stesso ricca chiave di immaginazione attecchendo in perfetto sincronismo coi meandri della psiche. Sarà interessante tra l’altro vedere come Joker viva il tetro scandire di derivazione psichiatrica che lo porta insicuro nella lotta al circostante. Quando romperà l’ultimo legame con la figura della madre assaporerà il ruolo d’incontenibile conoscendo la padronanza del libero arbitrio,questo diverrà un quadrante narrativo veramente fondamentale. In quello che possiamo definire il capitolo dell’alba di Gotham City dove hanno inizio tutte le vicende conosciute da fumetti e film vi è un’impressione di affresco che privilegia la cattura di parabole note attraverso flash profetici d’incancellabile reminiscenza. La creazione mitologica sposa il percorso dell’uomo ma tutto ciò che ruota dentro,intorno a Joker,possiede energia superiore e incontrollabile per rimanere nei confini di un personaggio. Conta moltissimo la dimensione pubblica del carisma che egli riflette sulle masse in luce rivoluzionaria,ma qualcuno ha il desiderio di appropriarsi di quell’immagine trascinante. Gli emulatori dell’ultima ora possono prendere il sopravvento grazie ad un’importante sequenza che con una grande sorpresa si riallaccia all’iconografia classica della saga Batman-Gotham City. Idee e credo si confondono nella maschera,potrebbero perdere la purezza della palingenesi annacquandosi nei ringorghi di quel caos costruito ad arte per ingannare il popolo. La risata si trascina nei titoli di coda,continua a possedere catarsi dinamica e ribelle quale forma invincibile dalla perenne energia,lasciando prevedere il riverbero dell’eterna lotta per non cadere nel nulla.